Le Città Invisibili – Zirma

architettura, disegno, draw, drawing, ink

Ho amato e amo tutt’ora “Le Città Invisibili”, dopo la fortunata avventura di Verona Sketchbook ( il mio libro su Verona ), sto coltivando l’idea di illustrare completamente il capolavoro di Italo Calvino, piano piano , lentamente, quando sento il bisogno di rilassarmi, prendo la penna e metto su carta qualche idea, solamente schizzi, ma piano piano l’idea prende forma.

IMG_20170328_211551.jpg

Dalla città di Zirma i viaggiatori tornano con ricordi ben distinti: un negro cieco che grida nella folla, un pazzo che si sporge dal cornicione d’un grattacielo, una ragazza che passeggia con un puma legato al guinzaglio. In realtà molti dei ciechi che battono il bastone sui selciati di Zirma sono negri, in ogni grattacielo c’è qualcuno che impazzisce, tutti i pazzi passano le ore sui cornicioni, non c’è puma che non sia allevato per un capriccio di ragazza. La città è ridondante: si ripete perché qualcosa arrivi a fissarsi nella mente.

Torno anch’io da Zirma: il mio ricordo comprende dirigibili che volano in tutti i sensi all’altezza delle finestre, vie di botteghe dove si disegnano tatuaggi sulla pelle ai marinai, treni sotterranei stipati di donne obese in preda all’afa. I compagni che erano con me nel viaggio invece giurano d’aver visto un solo dirigibile librarsi tra le guglie della città, un solo tatuatore disporre sul suo panchetto aghi e inchiostri e disegni traforati, una sola donna-cannone farsi vento sulla piattaforma d’un vagone. La memoria è ridondante: ripete i segni perché la città cominci a esistere.

 

Progettazione e Disegno Tecnico #2

architettura, disegno, draw, drawing, Esecutivo, progettazione, progetto

Conoscere il disegno tecnico

Il disegno è la modalità su cui è basato il trasferimento d’informazioni in ambito tecnico, attraverso il disegno si comunicano sia intuizioni e idee, che informazioni tecnologiche.

IMG_8587

Come per il linguaggio parlato, anche il disegno è codificato con regole e usi che ne permettono l’interpretazione corretta.

IMG_8581

Progettazione e Disegno Tecnico #1

architettura, Esecutivo, progettazione, progetto

Da oggi pubblicherò settimanalmente quello che faccio nel campo del Disegno e della Progettazione Esecutiva.

IMG_8584

Parto sempre da un’analisi generale del lavoro per poi sviluppare ogni singolo nodo

La parte più importante è la comprensione dei desideri del progettista e la loro trasposizione nel disegno esecutivo. ( Io Disegno )

IMG_8565

Light, colours & wine labels

disegno, draw, drawing, photo, wine, winery

 

I Colori della Luce

La prima rappresentazione dei colori dello spettro della luce disposti radialmente dentro un cerchio (cerchio cromatico )  fu opera di Isaac Newton (1642-1727).

Prima di arrivare alla rappresentazione circolare Newton individuò la relazione tra colore e luce partendo da alcuni esperimenti con un prisma condotti intorno al 1665.

Sarà solo nel 1704, con il trattato di Ottica, che Newton presenterà per la prima volta il cerchio cromatico, una sorta di diagramma a torta in cui ad ogni fetta corrisponde un colore.newtin

È del 1708 una pubblicazione a firma di un misterioso C.B. nella quale sembrano già evidenti queste considerazioni anche se i due cerchi non sono molto coerenti tra loro presentando il primo 7 e il secondo 12 colori.

cb

Molto più preciso è il cerchio di Moses Harris del 1766.  Qui appaiono già i tre colori considerati a quel tempo i primari nella sintesi sottrattiva (cioè i colori-pigmento): rosso, giallo e blu. Al centro, infatti, è il nero come somma di tutti i colori.

3385cd2bcf6e911b053dad4c2bf03dea

Del 1810 è l’altro caposaldo nella storia del cerchio cromatico

Opera di Johann Wolfgang von Goethe e della sua Teoria dei Colori.

 

Johann Wolfgang von Goethe (1749 – 1832), nel saggio Zur Farbenlehre (“Della Teoria dei Colori”).

Illustra la sua teoria scientifica sui colori e sulla loro percezione che, nelle sue intenzioni, doveva rappresentare un nuovo modo di intendere non solo l’ottica, ma la fisica e, più in generale, la scienza.

Si tratta di uno scritto che si discosta molto dalle sue creazioni letterarie Goethe si pone in contrapposizione a una visione Newtoniana strettamente scientifica del fenomeno, ridando dignità sensibile e poetica al fenomeno.

Goethe riteneva insopportabile e inconcepibile la tirannia della matematica e dell’ottica.

Afferma una visione romantica del fenomeno.

I colori sono qualche cosa di vivo e di umano, che trovano la loro completa giustificazione fenomenologica nella macchina fisica che è l’occhio umano ma anche e soprattutto nella spiritualità e nell’animo dell’osservatore.

Fonte EMANUELA PULVIRENTI

Vino di Luce – Lore Ipsum*

Il vigneto si affaccia a mattina, è rivolto a Est/Nord Est, ubicato in un angolo remoto e nascosto, affacciato su di una valletta, un vaio scosceso.

Ne risulta un vino verticale, con una spalla acida importante, che ne eleva il carattere floreale, sensazioni di agrumi, di grande freschezza, finale sapido e tagliente.

Il terreno è costituito da basalto puro (SiO2, MgO, CaO), con sfumature sia verdi, che rosse, Rame (Cu) e Ferro (Fe)

LORE IPSUM

(*) etichetta non ancora approvata dalla committenza quindi anonima.